— TEST DRC XXL CARBON 2018 —

Oggi vi parleremo dei Cerchi DRC CARBON XXL montati con mozzo Damil Components.

Un articolo di Matteo Piacentini, ciclista di categoria Elite del team Hibike.

Buona lettura!!..

WhatsApp Image 2018-02-20 at 15.20.48

 

L’inverno è il periodo di massima evoluzione per il biker, si sperimentano tecniche di allenamento e materiali per la stagione ventura tutto col solo scopo di spostare il limite (Ragnoli docet) ed in sintesi: Andare più forte!! Ho avuto il piacere di utilizzare in antemprima i nuovissimi cerchi in carbonio prodotti da DRC High Rims azienda ormai da anni leader del settore ruote e vicina agli amanti del custom. Sempre più persone infatti hanno deviato dalla via dei preassemblaggi per affidarsi alle mani esperte di WheelsBuilder ed avere per la propria bici “scarpe” su misura, personalizzate in base ad esigenze e stili di guida.

Come sempre dietro questa creazione c’è BikeFarm, il Bianchi store di Roma in Via Bartolomeo Cavaceppi e la mano esperta di Maurizio De Zuliani: una garanzia!

Equipaggiamento:

  • Cerchio: DRC CARBON XXL
  • Raggi: Sapim piatti
  • Mozzo: Damil Components

WhatsApp Image 2018-02-20 at 15.20.49

 

 

 

 

 

 

 

 

Per quanto riguarda il mozzo parliamo di un Damil Components, giovane e vivace azienda italiana che sta entrando prepotentemente nel settore da qualche anno, ed è stato scelto per due caratteristiche: affidabilità e scorrevolezza, per mantenere alte le prestazioni nel tempo.

Il confronto con il precedente modello in alluminio nasce spontaneo: notiamo che la forma è rimasta invariata, il canale lo stesso, cambia “solo” il materiale e di conseguenza il peso.

 

DRC XXL 370gr DRC XXL CARBON 320gr (pesi dichiarati),50gr in meno per cerchio e 100gr a coppia.

WhatsApp Image 2018-02-20 at 15.20.50 (1)

Fatta questa premessa per gli amanti dei nomi e dei numeri passiamo alla prova sul campo: come vanno queste ruote in carbonio? Montate sulla fedelissima Bianchi Methanol FS dopo qualche uscita di presentazione su asfalto causa maltempo è finalmente suonato il rock n’roll tra i boschi dei Castelli Romani.

Chiudete un attimo gli occhi e figuratevi nella mente la lama di un coltello, questa è la prima sensazione che ho provato perchè le ruote sono più rigide di quanto mi sarei aspettato: si dimostrano precise nei rilanci e negli uno-due, una volta lanciate l’entrata in curva è netta quindi non lascia spazio ad esitazioni: devi solo fidarti!

Nelle stagioni precedenti abbiamo provato moltissimi setup diversi con la versione in alluminio dai raggi tondi per avere una guida più comoda a quelli piatti tirati un pelo di più per aumentare la rigidità. Si è fatta sempre apprezzare per la sua versatilità che è una caratteristica che ritroviamo ora nel carbonio, dove però la polivalenza strizza l’occhio all’agonismo.

Quando sono passato poi da fango e radici alle rocce ho compreso meglio la rigidtà dei cerchi perchè ho percepito subito la bici più aggressiva: Utilizzando una full questo è stato un vantaggio enorme visto che mi sono dovuto preoccupare solo di impostare traiettorie precise mentre al resto ci pensavano la mia Formula33 by GalloMoto e la mia Methanol FS!

Su una front invece si va ovviamente incontro ad uno stile di guida veloce e reattivo dove il corpo segue la bici e deve accompagnare i colpi per la massima prestazione.

Una Piacevole scoperta è stato il mozzo Damil che lascia un leggero fruscio al suo passaggio.Ci ha regalato grande scorrevolezza anche in giornate con un fondo da dimenticare col rischio che il fango e l ‘acqua rovinassero i cusinetti. L’ho preferito a mozzi dalla leggereza estrema e quei pochi grammi di peso in più mi hanno ripagato in pieno 😉 . Il design resta semplice ed accattivante lasciando la possibilità della scelta di vari colori per le scritte cosi da avere la possibilità di personalizzare al meglio la nostra compagna di giochi.

 

In conclusione, ci troviamo davanti ad un cerchio che ha fame di grandi performance, si presenta chiaramente come un prodotto da gara ma che si presta bene anche a chi chiede dalla propria bici un mix di stabilità, precisione e leggerezza. In questo assemblaggio le ruote sono assolutamente racing perchè devono essere rigide, molto leggere, scorrere in ogni situazione e devono durare una stagione al rock delle gare di mtb! Per un utilizzo non improntato alle gare si può ovviamente guardare ad un setup più confortevole ed arrivare ad un compromesso migliore, una cosa è certa: sono cerchi fatti per andare veloce in ogni situazione! Io sono rimasto piacevolmente colpito, ora non vi resta che trovare il setup ideale, vestirvi e uscire a sporcare le vostre DRC!

WhatsApp Image 2018-02-20 at 15.20.50

Se volete,potete lasciare un commento qui sotto per far sapere la vostra!

Stay tuned! Alla prossima!

Diario di una schiappa

WhatsApp Image 2017-08-05 at 18.45.11  
Quando una persona decide di scrivere lo fa per un motivo, io personalmente scrivo perchè vivo di emozioni che mi scoppiano nel petto e non riesco a trattenerle. Ho il dannato difetto di cercare la magia ovunque: in un paesaggio, in un fiore sferzato dal vento o in un prestazione sportiva. Viceversa, ahimè Ho scoperto che a volte si perdono le parole Ho sentito la necessità di stare zitto: È l'assordante rumore del silenzio.

Discussioni di biomeccanica

2016-03-08 19.39.13
Qualsiasi utilizzo si faccia della bicicletta o se si pratica il running per hobby o sport agonistico, è necessario conoscere le basi di biomeccanica in modo opportuno! La biomeccanica è una tecnica che migliora l’efficienza dell'individuo in bici e a piedi, favorendo la respirazione e la dinamica degli arti inferiori nel gesto della pedalata e della corsa e minimizzando il dispendio energetico. Evitando inoltre posture scorrette spesso causa di infiammazioni ai legamenti e in particolar modo dolori articolari ...

Bike Farm e Alchemist: un nuovo sodalizio

alchemistbikefarm
Quale miglior momento per riprendere l'attività del nostro blog se non una super news? La news è che Bike Farm ha da poco siglato un accordo con un'azienda italiana super tosta nella produzione di componenti in carbonio per la distribuzione del proprio materiale. A renderla super, però, è il nome di questa azienda. Avete già indovinato? Se ancora non ci siete arrivati, ve lo diciamo noi: è la Alchemist!
 Page 1 of 5  1  2  3  4  5 »