alchemistbikefarm

Quale miglior momento per riprendere l’attività del nostro blog se non una super news? La news è che Bike Farm ha da poco siglato un accordo con un’azienda italiana super tosta nella produzione di componenti in carbonio per la distribuzione del proprio materiale. A renderla super, però, è il nome di questa azienda. Avete già indovinato? Se ancora non ci siete arrivati, ve lo diciamo noi: è la Alchemist!

L’azienta di Cinto Caomaggiore, Venezia, è specializzata in componenti in carbonio per Mtb, XC, Enduro e Marathon e fa dell’artigianato di altissimo livello hi-tech il suo punto di forza.

XC-1PRO-alchemist

MANUBRIO

 

I componenti Alchemist si contraddistinguono per l’utilizzo esclusivo della fibra di carbonio preimpregnata, in grado di garantire un livello di distribuzione della resina uniforme e preciso in ogni punto del componente. In questo modo, tutte le caratteristiche tecniche del pezzo, dal peso alla resistenza a rottura, sono precisi all’estremo.

Come ci tengono a ricordare i tecnici di Alchemist, realizzare prodotti fatti a mano e in modo artigianale, non significa dover rinunciare alla qualità, alla ripetibilità e alla certezza in termini qualitativi del prodotto. Anzi, sembrerebbe vero il contrario. La prassi sistematica di effettuare test non distruttivi, della quale Alchemist è unica nel settore, garantisce ai suoi clienti il massimo risultato qualitativo quanto a ripetibilità dei prodotti, permettendogli di avere una differenza di peso tra cerchio e cerchio (dello stesso tipo) inferiore ai 5gr. (meno del 1,5% nel cerchio più leggero).

E visto che abbiamo accennato ai cerchi, e quindi alle ruote, che come ben sapete sono la nostra specialità, vi regaliamo un’altra chicca.
A noi leggere piace, per carità, ma purtroppo non ci basta, e siccome le cose vogliamo provarle (e subito!), già da oggi è disponibile per voi in negozio uno dei pezzi più esclusivi della casa di Cinto Caomaggiore: le Alchemist X-Sense.

IMG-20170203-WA0001

Le modalità per prenotare il test delle X-Sense sono le stesse che abbiamo già usato in precedenza per altri tipi di test, ovvero visitare il nostro sito, cliccare su “prenota”, compilare l’apposito modulo ecc…

Ma torniamo alle ruote. L’elemento che sicuramente più di tutti colpisce di queste ruote sono i cerchi.
In carbonio, ovviamente, tubeless nativi, profilo “hookless” e con le pareti interne inclinate di due gradi, per evitare possibili stallonamenti (per maggiori approfondimenti visita anche www.alchemistbikes.com o www.mtb-cult.it).
Lo speciale profilo studiato per l’innesto del nipples dall’esterno, permette la realizzazione di un canale assente dei tradizionali fori per l’inserimento del nipples, che vuol dire niente più nastro e totale manutenzione alla ruota senza dover togliere il copertone.

Ora però è il momento di testarlo, e magari non mancheremo di raccontarvi cosa ne pensiamo.
Alla prossima news. Anzi, alla prossima super news.

Comments.

Currently there are no comments related to this article. You have a special honor to be the first commenter. Thanks!

Leave a Reply.

* Your email address will not be published.
You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>